WordPress su Aruba con server Windows: Risolto

Wordpress_Aruba1

Da diversi mesi avevo consigliato ad un amico di aprirsi il suo sito e di utilizzare wordpress per raggiungere il suo scopo. Ha acquistato lo spazio ed il dominio da Aruba, sempre su mio consiglio. Avendogli dato questi preziosi consigli potete facilmente immaginare il  mio stupore quando le cose non sono andate al loro posto subito.

Abbiamo fatto i conti con due problemi:

il primo è che non sapevo è che Aruba non permettesse connessioni mysql che non siano quelle acquistate presso di loro, per questo non sono riuscito a trovare una soluzione. e quindi abbiamo acquistato un server mysql. Fatto questo tutto sembrava risolto per il meglio configuriamo l’installazione e tutto sembra funzionare.

falsa illusione la mia. non si possono caricare immagini, temi e plugin. Questo accade perché i server di Aruba basati sulla piattaforma “Windows (R)2008 server” non permettono di modificare in alcun modo i permessi. Solo la cartella “public” e tutte le sue sottocartelle sono scrivibili dagli script web.

Se avete scelto di avere un hosting aruba basato su Linux allora potete leggere direttamente qui.

Facendo alcune ricerche sembra che il mio amato WordPress sui server di Aruba basati su “Windows (R) 2008 server” sia dichiarato come incompatibile. Nella knowledge base Aruba consiglia di scaricare web matrix dal sito microsoft che risolve il problema, anche se non spiega come va usato questo software. Purtroppo inoltre questo software gira solo su alcune versioni di windows(R) che non avevo sotto mano in quel momentom quindi mi sono dovuto ingegnare ulterioremente.

Dopo aver googolato un po mi sono imbattuto nella soluzione, la pubblico qui per mia memoria.

Ecco i due semplici passaggi che permettono di fare la magia:
1) Spostare l’intera cartella wp-content
L’unica cartella con permessi 777 su server Windows di Aruba è la cartella che si chiama “public” di conseguenza, tutte quelle cartelle che necessitano di permessi particolari per il corretto funzionamento devono essere spostare all’interno di quest’ultima.
Prendiamo dunque la cartella wp-content e la spostiamo definitivamente e per intero all’interno della cartella “public”. Non essendo riuscito a fare lo spostamentdo direttamente ho preferito fare download ed upload in due operazioni sequenziali.
Fatto questo non dobbiamo fare altro che dire a WordPress di andare a cercare il wp-content da un’altra parte.

2) Modifichiamo il file default-constants.php
Entriamo nella cartella wp-includes e cerchiamo questo file default-constants.php

Apriamolo e cerchiamo prima le stringhe 45-46:
if ( !defined('WP_CONTENT_DIR') )
define( 'WP_CONTENT_DIR', ABSPATH . 'wp-content' ); // no trailing slash, full paths only - WP_CONTENT_URL is defined further down

Modificandole in questo modo:
if ( !defined('WP_CONTENT_DIR') )
define( 'WP_CONTENT_DIR', ABSPATH . 'public/wp-content' ); // no trailing slash, full paths only - WP_CONTENT_URL is defined further down

e la stessa cosa facciamo con le righe 82-83 trasformandole da così:
if ( !defined('WP_CONTENT_URL') )
define( 'WP_CONTENT_URL', get_option('siteurl') . '/wp-content'); // full url - WP_CONTENT_DIR is defined further up

a così:
if ( !defined('WP_CONTENT_URL') )
define( 'WP_CONTENT_URL', get_option('siteurl') . '/public/wp-content'); // full url - WP_CONTENT_DIR is defined further up

NB – Da notare che nel primo caso non c’è la slash “/” prima di “public”, nel secondo caso sì.

Tutto questo non sarebbe successo se il mio amico avesse scelto l’osting Linux.

Aruba infatti propone WordPress tra le applicazioni installavbili automaticamente se scegliete linux come piattaforma per il server.

 

 

 

 



You need Flash player 8+ and JavaScript enabled to view this video.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.