Maja Nakielska 125ml.cieplej wody
125ml.cieplego mleka10g.swiezych drozdzy
Lyzka cukru
50g oliwy z oliwek
O,5lyzki soli
400g.maki
Wode,mleko,drozdze,cukier,oliwe wymieszac,dodawac stopniowo make,pol łyżki soli i wyrobic na kulke.Przykryc follia i sciereczka i odstawic do wyrosniecia na 40 minut.
Po tym czasie rozwalkowac na okolo pol cm.i wykrawac krazki o srednicy 12 cm.
Ulozyc na blaszce i ponownie odstawic do wyrosniecia na 60-90minut.palcem porobic dziurki i posypac delikatnie sola.
Piec w temp.180 stopni OK.20-25minut.
Po upieczeniu posmarowac woda.

Perche l’italiano si parla solo in italia?

Non è così. È anche una delle lingue ufficiali della Svizzera (sebbene sia la lingua ufficiale in soli 2 cantoni – Ticino e Graubünden – su 26).

L’italiano è parlato anche in alcune parti della Slovenia e della Croazia, a Malta e, naturalmente, a San Marino e Città del Vaticano, che sono microstati situati sulla penisola italiana.

La sua area di distribuzione è puramente geografica (penisola italiana e territori confinanti). Il motivo per cui non è più diffuso nel resto del mondo (senza contare le comunità di discendenti di migranti italiani) è probabile perché a differenza di altri grandi paesi in Europa come Spagna, Francia e Regno Unito, l’Italia non è stata una potenza coloniale, troppe lotte intestine di potere per poter pesnare di proseguire con le conquiste all’estero.

La diaspora italiana ha avuto un importanza storica e sociale, ho deciso di includere qualche informazione in più sui paesi che ospitano importanti comunità di origine italiana.

Si ricontrano quindi in Brasile, Argentina e Stati Uniti le più grandi comunità di immigrati italiani che continuano a parlare italiano.