Net use

Net use, per citare l’help i linea di Windows: connette o disconnette un computer da una risorsa condivisa oppure visualizza le informazioni sulle connessioni del computer. Questo comando controlla inoltre le connessioni di rete permanenti. Utilizzato senza parametri, il comando net use visualizza un elenco di connessioni di rete.
Vediamo una breve guida con i comandi principali ed il loro utilizzo:

Supponiamo che il computer che ospita la risorsa condivisa si chiami SRV01, che esso condivida una cartella DATI, alla quale ha accesso l’utente Bob, che può essere definito localmente su SRV01 oppure appartenere al dominio DOMAIN. Tutti i comandi vengono impartiti da un secondo PC connesso in rete; per semplicità assumiamo che SRV01 sia configurato per accettare le connessioni dal questa seconda macchina.
La situazione più comune è la mappatura di una unità di rete, che possiamo effettuare con il comando:
net use z: \\SRV01\DATI /user:Bob password se l’utente Bob è locale a SRV01, oppure
net use z: \\SRV01\DATI /user:DOMAIN\Bob password se l’utente è di dominio.
Con lo swith /savecred, nome e password vengono salvate.
Se invece di indicare esplicitamente la lettera da usare per la mappatura dell’unità, vogliamo utilizzare la prima lettera disponibile sul client, il comando diventa:
net use * \\SRV01\......
Nel caso non si volesse scrivere in chiaro la password su una riga di comando, basta sostituirla con un asterisco, ed il sistema ce la chiederà, oscurandola.
Aggiungendo al comando lo switch /persistent:yes, la connessione verrà ripristinata al riavvio.
Una volta terminato il lavoro, per sconnettere l’unità, possiamo impartire il comando:
net use z: /delete
Se si desiderasse eliminare la richiesta di conferma (serve se il comando si inserisce in uno script), il comando diventa:
net use z: /delete /yes
per cancellare tutte le mappature:
net use * /delete o net use * /delete /yes

A volte può essere necessario navigare nelle risorse di un computer remoto; se un doppio click non fosse sufficiente a visualizzare la finestra di immissione di nome e password, possiamo usare il comando per autenticarci preventivamente:
net use \\SRV01 /user:ecc ecc ecc
Quest’ultimo comando serve anche per poter stampare su una stampante di rete su un host che ha bisogno di una autenticazione preventiva. Il caso tipico è quello di chi collega il proprio PC a diverse reti con diversi domini, ad esempio il sistemista che frequenta le sedi dei propri clienti e si trovi nella necessità di stampare.
Utilizzare i comandi dall’interfaccia carattere è molto più veloce dell’interfaccia grafica, che spesso si “pianta” inesorabilmente quando si cerca di navigare all’interno di risorse senza la preventiva autorizzazione.

VirtualBox Estremo: far partire più macchine virtuali nella giusta sequenza su Windows(tm)

oracle-virtualbox-logo

Far partire più macchine virtuali con Virtualbox su windows non è così semplice come viene raccontato, soprattutto se queste devono partire con un ordine specifico. perche i servizi fornite da alcune sono necessarialle altre.
Ecco il solito file batch:

@echo off
"C:\Program Files\Oracle\VirtualBox\VBoxManage.exe" startvm "Macchina1"
PING 192.168.1.1 -n 60 -w 1000 >NUL
"C:\Program Files\Oracle\VirtualBox\VBoxManage.exe" startvm "Macchina2"
PING 192.168.1.1 -n 60 -w 1000 >NUL
"C:\Program Files\Oracle\VirtualBox\VBoxManage.exe" startvm "MacchinaN"

Ho preferito non usare il lancio headless per poter comunque fare manutenzione centralizzata sulle macchine senza dovermi ricordare tutti gli accessi.
Il ping come al solito serve per il ritardo.

Account multipli contemporanei di skype

Skype_Logo

Avevo già affrontato e risolto un paio di anni fa il problema di avere più connessioni skype contemporanemente attive sullo stesso computer, ma avendo dimenticato come avevo fatto dovuto trovare una nuova soluzione.
Senza instalalre alcun software esterno.
E’ suffcinete fare un fiel batch da mettere in esecuzione automatica con questo testo:

@echo off
start "" "C:\Program Files (x86)\Skype\Phone\skype.exe" /username:user1 /password:password1
ping 192.168.1.1 -n 30 -w 1000 >NUL
start "" "C:\Program Files (x86)\Skype\Phone\skype.exe" /secondary /username:user2 /password:password2
ping 192.168.1.1 -n 30 -w 1000 >NUL
start "" "C:\Program Files (x86)\Skype\Phone\skype.exe" /secondary /username:user3 /password:password3
ping 192.168.1.1 -n 30 -w 1000 >NUL
start "" "C:\Program Files (x86)\Skype\Phone\skype.exe" /secondary /username:user4 /password:password4

i ping servono solo per creare un ritardo di 30 secondi tra un comando e l’altro per migliorare l’affidabilità, sembra che chiamarli contemporaneamente non piaccia molto.