La sicurezza informatica

In questi giorni stiamo assistendo a rirpetuti attacchi ad azeinde informatiche italiane. mi ricorda qunto è successo all’inizio del periodo Co-vid19 quando una moltitudine di malintenzionati ha approfittato della scarsa sorveglianza dovuta al primo lockdown per attaccare in maniera sistematica molti siti internet.

in seguito poi si sono moltiplicati gli attacchi di phishing.

La sicurezza informatica è detta anche cibersicurezza (dall’inglese cyber security), e termine che precisamente rappresenta una sottoclasse, essendo quell’ambito della sicurezza informatica che dipende solo dalla tecnologia: con esso si enfatizzano spesso qualità di resilienza, robustezza e reattività che una tecnologia deve possedere per fronteggiare attacchi mirati a comprometterne il suo corretto funzionamento e le sue performance.

Nella sicurezza informatica sono coinvolti elementi tecnici, organizzativi, giuridici e umani. Per valutare la sicurezza solitamente è necessario individuare le minacce, le vulnerabilità e i rischi associati ai beni informatici, al fine di proteggerli da possibili attacchi (interni o esterni) che potrebbero provocare danni diretti o indiretti a un’organizzazione.

Oltre alle tre fondamentali proprietà (disponibilità, riservatezza, integrità) possono essere considerate anche: autenticità, responsabilità, affidabilità.

La sicurezza informatica è un problema molto sentito in ambito tecnico-informatico per via della crescente informatizzazione della società e dei servizi (pubblici e privati) in termini di apparati e sistemi informatici e della parallela diffusione e specializzazione degli attaccanti o cracker.

L’interesse per la sicurezza dei sistemi informatici è dunque cresciuto negli ultimi anni, proporzionalmente alla loro diffusione e al ruolo da essi svolto nella collettività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.